Like travel?

General Post Office

2 minuti, 2 secondi
02 Jun, 2012

L’imponente edificio in granito è stato progettato nel 1814 da Francis Johnston, il più celebre architetto del periodo georgiano: qui venne letta la proclamazione d’indipendenza dell’Irlanda e divenne il quartier generale dei ribelli durante la rivolta del 1916.

General Post Office

La storia

Durante la Pasqua del 1916, servì da quartiere generale per l’insurrezione. Proprio qui Padraig Pearse, il poeta, e James Connolly, il sindacalista, proclamarono l’indipendenza dell’Irlanda con mille uomini degli Irish Volunteers. Contrattempi e contrordini fecero in modo che poche città di provincia seguissero il movimento che rimase quindi circoscritto a Dublino. Gli insorti resistettero una settimana agli attacchi dell’artiglieria britannica prima di arrendersi. Una cannoniera sul Liffey non cessò di bombardare il quartiere, causando numerose distruzioni e vittime civili. Il generale Maxwell, capo delle truppe inglesi, pensava di terrorizzare i dublinesi e rivoltarli contro gli insorti. La repressione fu selvaggia e tutti i capi vennero fucilati, eccetto De Valera che era di nazionalità americana. Il quale poi divenne Presidente della Repubblica.

Anche Constance Markiewicz sfuggì al plotone di esecuzione, ma solo in quanto donna! Essa disse ai suoi giudici: «Speravo che avreste avuto almeno la decenza di fucilarmi!». Prima di essere giustiziato, Pearse pronunciò queste parole: «Almeno l’Irlanda si sbarazza di un cattivo poeta». L’opinione pubblica irlandese, poco favorevole fino al 1916 all’idea dell’indipendenza, fu sconvolta dalla morte di questi eroi e spostò massicciamente la propria adesione verso il loro campo. In Inghilterra, tuttavia, furono rari i sostenitori dell’insurrezione. Labour Party e i sindacati la condannarono. Solo, lo scrittore G.B. Shaw lanciò un vero e proprio J’accuse sul Daily News per salvare i patrioti irlandesi. Conseguenza di questa presa di coscienza generale, il Sinn Féin, il partito nazionalista, raccolse alle elezioni generali, due anni più tardi, più dei tre quarti dei seggi.

Oggi

La GPO venne ricostruita nel 1929 ed è diventata il luogo dove si svolge la maggior parte delle manifestazioni politiche e il simbolo dello spirito repubblicano. Una targa e una statua commemorano questo avvenimento storico. Porta ancora visibili i segni della battaglia, che rivive nei dipinti e nella statua che rappresenta la morte di Cù Chulainn, eroe della mitologia celtica, posti all’interno del foyer.

Dove e quando

O’Connell St
www.anpost.ie

Studiare in Irlanda - Scuole a Dublino

Informati su come studiare all’estero con noi.
Politica per la privacy.

Visite: 1202

Mi piace: +

Non mi piace: -0